...a scuola del mestiere più bello del mondo... da oltre 30 anni formiamo i migliori Chef
DIVENTA CHEF SALUTISTICO
Diventa Chef esperto in cucina salutistica

Leggi di più
DIVENTA PASTICCERE
Entra nel nostro Campus ed immergiti nel mondo della Pasticceria

Leggi di più Guarda il Video
CRESCERE INSIEME
Da sempre al tuo fianco per seguirti nella tua crescita professionale

Sfoglia i Corsi
APPASSIONARSI IN CUCINA
Trascorri con noi un weekend unico

Sfoglia i Corsi

Nota Necessaria sulle Scuole Private di cucina e pasticceria
Tutte le Scuole si vantano di un accredito.
In realtà non è così, c’è una differenza sostanziale tra Scuola Accreditata e Corso di formazione accreditato. Il Campus Etoile Academy è accreditato, non solo come Ente formatore, ma è accreditato anche il programma del corso "Diventa Chef / Pasticcere"; per il quale viene rilasciato una "qualifica professionale" riconosciuta dalla Legge n. 845/78 e valevole a livello europeo.
Si consiglia, dunque, di controllare se la scuola scelta rilascia un semplice attestato o tale certificazione.
LA TUA STORIA
INIZIA DA QUI
UNA LEADERSHIP IMBATTIBILE

Affiancano il rettore Rossano Boscolo gli chef Italo Bassi e Marco Brink.
Alle 3 stelle* uniamo la forza del coaching è così che l'Etoile continua a garantire la migliore formazione permettendo a tutti i suoi allievi di essere preparati, guidati e sostenuti dal top della professionalità.
LE ULTIME NEWS DAL NOSTRO BLOG
Paradossi in cucina tra creatività e piatti globali
Una riflessione di Boscolo sui nuovi trend gastronomici

La battaglia tra cucina di creazione e cucina di tradizione è vecchissima. Già nel Seicento i cuochi e i gastronomi si interrogavano se fosse meglio valorizzare un piatto aggiungendo spezie, salse, guarnizioni e via dicendo o se invece era preferibile assecondare la naturale verità dei prodotti.
La disputa rimane aperta e si riaccende nella Francia degli anni Sessanta quando inizia a fare scuola un certo ritorno alla natura. Ma questa tendenza viene subito soppiantata dal culto della leggerezza e della creatività, una corrente che ha portato una miriade di imitatori verso una cucina a dir poco stravagante e paradossalmente insulsa e che ha finito per violare i suoi stessi principi costellando ovunque nei piatti salmone crudo, tartufo, fois gras , gamberi e altri ingredienti irreperibili.
Così troppi cuochi, abbagliati dalla creatività e dall’invenzione ma in realtà incapaci di proporre qualcosa di innovativo, hanno trascurato le tradizioni.

Credo che quando una cucina si basi su secoli di storia, di esperienza, di abilità e di segreti accumulati sia folle pretendere che ogni esperimento riparta da zero.
Il paradosso della cucina creativa dimentica la tradizione e, a parte qualche eccezione, crea solo parole vuote sui menù. Quanto alla leggerezza, se la si ottiene soltanto unita a una certa “insipidità” non ne vedo il merito.

Da oltre un secolo la cucina si è internazionalizzata o, meglio dire, mondializzata. Oggi, in quasi qualsiasi posto del globo, è possibile ordinare paella, spaghetti , pizza, bouillabaisse, feijoada brasiliana, melanzane alla turca, escabeche e via dicendo.

A mio parare la stragrande maggioranza di questi piatti non sa viaggiare perché ha legami troppo forti con i prodotti e la tipicità della regione in cui sono nati.
Inoltre a limitare l’esportazione delle cucine originali ci sono i regolamenti sanitari che variano da Paese a Paese anche se, paradossalmente, queste problematiche hanno salvato le cucine regionali e rivalutato i prodotti tipici di qualità.

C'è un proverbio che dice che la digestione comincia in cucina. Io direi che comincia nell’orto, nei campi , nell’aia: è ciò che definisco il lusso alla portata di tutti.
Nel bene o nel male il carattere dominante della gastronomia di questo secolo sarà il ritorno alla natura.

Rossano Boscolo
VAI AL BLOG

#CAMPUSETOILE
SEGUICI SUI TUOI SOCIAL PREFERITI!

I NOSTRI PARTNER

Mostra Tutti