Il noto gruppo francese Big Mamma (6 locali di tendenza a Parigi da migliaia di coperti al giorno e in cantiere la settima apertura) ha scelto il Campus Etoile Academy per presentarsi e raccogliere potenziali candidati disposti a mettersi in gioco in un’avventura professionale che ha tutti i criteri per essere definita appetibile.

Un folto gruppo di allievi ed ex allievi della scuola di Rossano Boscolo ha avuto l’occasione di incontrare la responsabile recruitment dell’Italia, Federica Annese, una figura da poco introdotta per far fronte alla richiesta crescente di personale.

“Big Mamma è in fortissima espansione, in due anni è diventato un fenomeno imprenditoriale in Francia e non solo – ha spiegato ai ragazzi -. A marzo inaugureremo a Parigi Station F, un nuovo locale che sorgerà all’interno di una location suggestiva, una vecchia stazione ferroviaria (il tetto è patrimonio dell’Unesco, ndr). Il ristorante, che si estenderà su una superficie di 3200 metri quadri, avrà al suo interno anche una boulangerie. Nel 2019 apriremo a Londra”.

Semplice e rivoluzionario il modello di business proposto dai due giovani fondatori della catena, Victor Lugger e Tigrane Seydoux, in comune una laurea in economia alla Hec Paris e la passione per il Belpaese: proporre materie prime e personale rigorosamente italiani; puntare su un’ampia fascia di mercato con prezzi democratici (una pizza Margherita costa 5 euro) e strizzare l’occhio a un target evoluto e cool (cucine a vista e arredamento di desing sono il marchio di fabbrica della catena).

A dare l’imprinting al format Big Mamma è il modello delle trattorie italiane dove si spende poco e si mangia bene. “Nella scenario mondiale dell’enogastronomia, l’italianità è sinonimo di garanzia. Oltre ai prodotti e alla bontà dei piatti, il nostro valore aggiunto sono le persone. Abbiamo scelto di venire al Campus Etoile Academy perché cerchiamo giovani motivati e preparati, che sappiano lavorare in team, che abbiamo voglia di arrivare in alto. Non ci interessa chi è semplicemente in cerca di un’esperienza stagionale”.

Meritocrazia e trasparenza sono alcuni dei criteri aziendali che guidano il percorso di crescita e selezione dei dipendenti: “Si entra come commis e in pochi mesi si possono raggiungere ottime posizioni. Da noi uno chef arriva a uno stipendio di 3,200 euro al mese”.

Big Mamma è un realtà ben strutturata all’interno e offre ai neo assunti un percorso di affiancamento davvero interessante: due mesi di training, corso di lingua (per entrare è sufficiente livello entry ma per crescere è necessario avere una buona conoscenza del francese) e un aiuto per quanto riguarda l’alloggio: un Eldorado che potrebbe far gola a tanti giovani chef e pasticceri.

Dopo la presentazione, ci sono stati i colloqui individuali con i candidati interrati ad entrare nel famiglia Big Mamma.