Ci siamo, entro il 15 settembre un esercito di studenti tornerà sui banchi per ricominciare l’avventura scolastica. Per i ragazzi iscritti all’ultimo anno di Alberghiero sarà un anno cruciale, quello in cui si determina la costruzione del proprio futuro. In questa fase è molto importante rimanere concentrati sugli studi per arrivare preparati all’esame di maturità ma, al tempo stesso, è bene iniziare a ritagliarsi sin da ora del tempo per capire quale strada intraprendere dopo il diploma.

L’orientamento è un capitolo fondamentale nella vita di ogni studente e se non lo si vive con serietà c’è il rischio di fare scelte sbagliate. Ecco, dunque, la nostra lista di consigli per affrontare al meglio questa delicata fase.

1. Ascolta i tuoi impulsi: chiudi gli occhi e immaginati tra dieci anni. Se quello che vedi ha a che fare con una divisa allora significa che sei sulla pista giusta. Riconoscere la vera passione è il primo passo per prendere qualsiasi decisione.

2. Parla con la famiglia: coinvolgere e chiedere consiglio ai genitori è una grande opportunità di crescita. A volte è difficile trovare il modo giusto per parlare dei propri sogni e delle proprie aspettative ma confrontarsi con chi ti vuole bene è una straordinaria opportunità per mettere nero su bianco i propri progetti, dandogli ancora più valore.

3. Valuta più opzioni: non escludere nulla a priori, questi sono gli anni in cui tutto è possibile. Magari hai sempre creduto di essere tagliato per la pasticceria e invece scopri che il tuo vero amore è la cucina. L’universo culinario è in espansione, al suo interno ci sono una miriade di figure professionali in ascesa, prime tra tutte quelle collegate ai nuovi bisogni dei consumatori sempre più attenti a prodotti salutari e a piatti bilanciati sotto un profilo nutrizionale.

4. Punta alla formazione pratica: nell’alta ristorazione nulla avviene per caso, fare solo “gavetta” sul campo a volte non basta, l’alta formazione è l’unica carta vincente per competere a livello internazionale. Una scuola di cucina che si rispetti deve dare ai propri allievi la possibilità di “sviscerare” le materie prime, di fare palestra imparando le tecniche base: senza di queste sarà impossibile fare il salto di qualità.

5. Metti sulla bilancia la Qualifica Professionale: l’offerta formativa culinaria è letteralmente esplosa negli ultimi anni. Un criterio sicuro per orientarsi è verificare che al termine del percorso di studi si riesca a ottenere la Qualifica Professionale riconoscibile a livello europeo, da non confondere con il semplice attestato di frequenza.

6. Rimboccati le maniche: impara a considerare il sacrificio come parte integrante del gioco. Sia che tu scelga di tuffarti nel mondo del lavoro, sia che tu voglia approfondire le tue conoscenze attraverso una corso di alta formazione, sappi che questo mestiere non prevede facili scorciatoie: il successo va conquistato e meritato ogni giorno. Il Campus Etoile Academy, da oltre trent’anni, dà valore a chi non teme di mettersi alla prova. Ecco perché è nato il format Etoile Experience, una giornata a porte aperte che dà la possibilità di partecipare a unworkshop gratuito di cucina o di pasticceria. Il prossimo appuntamento è il 7 ottobre.